Il tuo letto singolo: tutte le offerte un click!

23-letti-singoli-1388408774

Tutta la comodità di cui hai bisogno a portata di click

Corri, studi, lavori, esci, guidi, vai in palestra: per affrontare tutto quanto ogni giorno hai bisogno di tanto tempo e di tante energie. I nostri letti sono distanti da te solo un click e sono pronti a regalarti quel riposo e quella tranquillità di cui hai bisogno dopo una lunga giornata. Quando torni a casa, hai bisogno non solo di riposarti, ma di farlo nel modo giusto: che tu sia un lavoratore o uno studente, che tu abbia una casa piccola o grande, quello di cui hai bisogno è un letto che sappia prendersi cura di te nel modo giusto. I nostri letti singoli sono lì per te, pronti a ridarti quelle energie, quel calore e quella serenità di cui ognuno ha bisogno dopo una lunga giornata piena di impegni.

Il letto singolo più adatto a te

Praticità, comodità, convenienza, affidabilità: sono queste le quattro parole chiave che meglio descrivono i letti singoli disponibili sul nostro sito. I nostri letti sono pratici: non solo da montare una volta ricevuti, ma anche da spostare e rimontare. Offriamo letti pratici, perché siamo convinti che ciascuno abbia diritto al suo letto personale – anche se il letto dovesse cambiare ogni giorno. I nostri letti sono comodi: su un letto si dorme, è vero, ma si fa anche colazione, si guarda la TV o si controlla la pagina Facebook dal portatile. Per quello i nostri letti sono prima di tutto comodi, adatti ad ogni esigenza. Ma anche convenienti: in questi tempi in cui risparmiare spesso significa rinunciare alla qualità, le nostre offerte sono sicuramente un’eccezione. Per te la miglior qualità al miglior prezzo. I nostri letti sono affidabili: dal momento dell’acquisto al momento in cui ti addormenterai siamo sicuri di offrire il servizio più affidabile possibile. E se non ci credi, non ti resta che provarli: devi solo fare click!

Tutte le offerte per divani moderni.

709320e5a6ccaa25ac13b1d0730bfbf1815feba3

Prima di tutto rinfrescare.

Chi non ha voglia di rinnovare la propria casa, di mettere un elemento di arredo che la renda unica, confortevole e moderna? Ma cambiare l’arredamento della casa è costoso e impegnativo, e si tende sempre a rimandare e per motivi economici e per motivi di tempo. A volte però se si sa giocare con la fantasia e si ha buon gusto si può rinnovare il proprio arredamento con pochi e semplici gesti. Innanzitutto ridipingere la stanza con colori diversi e più moderni rispetto a quelli esistenti è la prima cosa da fare; prendere un fine settimana con marito e figli e dedicarsi a questa incombenza che può diventare un’occasione per ritrovare la voglia di stare in famiglia in modo diverso, finito il lavoraccio, tutti a mangiare una pizza con i soldi risparmiati, che altrimenti avresti dovuto dare all’imbianchino.

E adesso qualche piccolo elemento da cambiare.

Non serve cambiare tutto l’arredamento di una stanza per renderla più accogliente e più moderna, a volte se i mobili non sono proprio di modernariato, è sufficiente rinfrescare, spostare e cambiare solo qualche elemento. Se decidiamo di rinnovare ad esempio il salotto, il divano in genere è un pezzo che richiede un ricambio maggiore, in quando l’usura è maggiore rispetto ad una credenza o ad una parete attrezzata; quindi concentriamoci su questo elemento. Devi per prima cosa scegliere il tipo di materiale che preferisci, poi cambia la disposizione dei mobili che hai e lascia lo spazio per il nuovo posto del divano; a questo punto prendi le misure e comincia a cercare il divano dei tuoi sogni. Offerte divani moderni possono farti trovare in rete tutte le occasioni che periodicamente le ditte di arredamento mettono a disposizione, e non dimenticare che anche visitare una fiera di settore puoi far risparmiare molto rispetto al prezzo di negozio.

Lampade, luci e l’illuminazione per le camerette dei bambini

L’illuminazione della stanza dei bambini è molto importante per farli vivere in armonia con l’ambiente impostato su misura per loro.
La scelta delle luci e dell’illuminazione per le camerette dei bambini, va fatta in modo oculato già in tenera età. In un primo momento, è importante non posare impianti abbaglianti, ma limitarsi a ottenere uno sfondo d’illuminazione con un tocco di lampade decorative.


Poi, man mano che crescono e raggiungono l’età in cui s’impara a leggere, scrivere e disegnare, bisogna concentrarsi su illuminazioni più adeguate per espletare le funzioni didattiche, e soprattutto per non fargli affaticare la vista. Qualunque sia l’età dei figli, conviene tuttavia utilizzare materiali d’illuminazione con LED che hanno la capacità di coprire la maggior parte delle loro esigenze, in modo molto efficace ed economico.
L’illuminazione fondamentale nella stanza dei bambini deve essere attentamente pianificata per soddisfare le esigenze in base, sia per il gioco così come per le attività didattiche. Un’illuminazione forte ma non abbagliante, aiuta tenere i bambini attivi e sani, facendogli sfruttare al massimo le capacità visive naturali offerte dalla luce solare. Questo, infatti, potrebbe essere uno degli svantaggi di un impianto d’illuminazione troppo complesso nella loro stanza.
La scelta migliore di lampade a LED che sono disponibili in una gamma di colori, stili e dimensioni, permette di illuminare in modo sicuro ed efficace la stanza dei bambini. La compatibilità con il visus del bambino in base all’età, rendono questi apparecchi ancora più interessanti se si acquistano quelli dotati di una manopola per la regolazione, creando una sorta di luce crepuscolare regolabile man mano che la giornata volge al termine, e la luce solare viene a mancare.
Per i bambini che vanno a scuola, non si può ignorare l’importanza di una lampada da studio nella loro camera da letto. Questo tipo d’illuminazione adatta per lo studio, deve essere priva di abbagliamento e ben focalizzata, in modo da evitare qualsiasi possibilità di ombre e riflessi che non riguardano solo la concentrazione, ma sono anche dannose per la vista.
La tecnologia d’illuminazione a LED offre un’eccellente soluzione con lampade da scrivania. La natura direzionale della tecnologia LED rende questi dispositivi ideali per ogni tipo di scrivania, tra cui quella per la semplice lettura, la scrittura e la navigazione sul web. Questi sono disponibili in una varietà di forme, colori e dimensioni e alcuni modelli avanzati offrono oltre a quella standard, anche regolazioni con modalità doppie e triple, ognuno delle quali consente di ottenere un livello d’illuminazione diverso.
Oltre all’illuminazione normale, è possibile fornire un’atmosfera unica e attraente per i bambini con l’installazione di una illuminazione decorativa nella loro stanza. Queste possono essere usate sia come luci notturne che per la ricreazione, o addirittura per entrambe.
Il colore del LED che cambia le luci, può rivelarsi un miracolo per tali applicazioni. Queste luci possono, infatti, trasformare completamente il look della camera dei bambini, con la loro alta intensità, ed effetti colorati. Un altro vantaggio è anche quello di poter preimpostare il tema o cambiare i colori manualmente in qualsiasi momento. In aggiunta a lampade da tavolo, comodino e scrivania, le luci possono essere integrate a completamento dell’impianto d’illuminazione con plafoniere a luce bianca da attaccare alla soffitta. Un consiglio è tuttavia doveroso darlo a riguardo dell’intensità della luce; infatti, la scelta dovrebbe sempre ricadere su quella bianca, che non altera il visus del bambino, non si riscalda eccessivamente (luci fredde) ed eliminano a priori i pericoli soprattutto in tenera età di scottature accidentali, che sono in assoluto i più frequenti e svantaggiosi per questa tipologia d’illuminazione della cameretta dei bambini. Infine, è importante aggiungere che per quanto riguarda l’illuminazione da tavolo, conviene sempre utilizzare paralumi in materiale ignifugo, evitare quelli di carta e sceglierli oltre a colori chiari tipo tonalità pastello, anche con opacizzazioni (le cosiddette opaline), che evitano riflessi dannosi alla vista e soprattutto in bambini piccoli, l’istinto di toccare la lampadina perché attratti dai suoi colori luccicanti, e quindi con il rischio di pericolosissime scosse elettriche.

Suggerimenti low cost per organizzare la tua cucina

La cucina è la stanza che si vive di più in un ambiente domestico e, per la sua stessa natura, quella che è più esposta all’usura. Ristrutturarla periodicamente o mutarne la sua organizzazione, dunque, è una frequente necessità per molte famiglie. In questi tempi di ristrettezze economiche, è bene seguire una serie di regole che ci permetteranno di compiere delle scelte low cost affinché la rinnovata cucina risponda alle nostre esigenze senza che questo comporti un inutile spreco di danaro.

Anzitutto, dobbiamo fare i conti con lo spazio a nostra disposizione: infatti, sempre più spesso, gli appartamenti cittadini riservano locali angusti ed è dunque necessario sfruttarli al meglio per ottenere una cucina funzionale. La situazione più ricorrente nelle case moderne è quella in cui la stanza adibita a cucina presenta uno spazio lungo e stretto. Per ottenere il massimo da un locale con queste caratteristiche, dunque, sarà bene indirizzarsi verso una composizione lineare, i cui costi sono generalmente più contenuti. Tale combinazione di arredi prevede frigorifero, base lavello, base per fuochi e forno, un’ulteriore base qualora si voglia optare per la lavastoviglie, e dei cassetti per pentole e posate. Anche se lo spazio è ridotto, potremo cercare di sfruttare l’altezza della stanza, indirizzandoci su pensili di dimensioni maggiori: questa soluzione ci permetterà quindi di ottenere la massima capienza a fronte dei pochi metri quadri disponibili.

Un buon consiglio è quello di rivolgersi a più rivenditori, per avere così una panoramica dei modelli disponibili sul mercato, e conseguentemente dei costi. E’ bene considerare nel budget anche le spese del trasporto e del montaggio, che incidono non poco sul prezzo finale. Quando ci si rivolge ad un rivenditore per un preventivo, è opportuno anche farsi scorporare il costo degli elettrodomestici, altra voce significativa nell’acquisto di una nuova cucina. Questo perché sarà possibile trovare altrove i modelli che fanno al caso nostro, a prezzi più convenienti, magari grazie alle offerte periodiche delle grandi catene di distribuzione. Infatti, a prescindere dai marchi, gli elettrodomestici devono anzitutto rispondere alle nostre esigenze, dunque un frigorifero eccessivamente capiente o un forno ipertecnologico, non è detto che siano sempre le migliori soluzioni. Piuttosto, a modelli dotati di numerose funzioni, si prediligano apparecchi a risparmio energetico che garantiranno un costante abbattimento dei consumi.

Schema dimensioni cucina low cost

Per quanto riguarda i materiali, a differenza di altri arredi, i mobili della cucina vengono spesso in contatto con calore, acqua e altri liquidi: dunque, la soluzione più costosa del legno massello non sempre risulta la migliore. Un laminato, ovvero un materiale realizzato da scarti del legno il cui strato superficiale imita le essenze naturali ma è costituito da un foglio sintetico, è più economico e garantirà allo stesso tempo una buona riuscita in termini di resistenza e stabilità nel tempo. Diverso il discorso per quanto concerne il piano di lavoro, ovvero la superficie che risulta essere maggiormente esposta all’umidità, alle alte temperature e alle abrasioni. Negli ultimi tempi, infatti, si sono imposti sul mercato nuovi materiali derivati dal quarzo come l’Okite, con caratteristiche tecniche adatte all’uso intensivo proprio delle cucine e comunque più economici rispetto a superfici in marmo. Una buona soluzione di compromesso è rappresentata ancora una volta dal laminato, molto più low cost di qualunque altro materiale utilizzato per realizzare piani di lavoro. Naturalmente, il laminato deve essere trattato in maniera adeguata per risultare impermeabile ed antigraffio.

Un’altra possibilità che ci garantirà di abbattere non poco i costi di una nuova cucina, è quella di rivolgersi ad una catena di aziende specializzate nella realizzazione e commercializzazione di arredi prodotti in serie e di buona qualità. In questi casi, spesso, il cliente ha la possibilità di acquistare i mobili smontati per poi allestire da sé la propria cucina. Questo permetterà un risparmio sostanziale, alla luce del fatto che, comunque, il montaggio non rappresenta un ostacolo insormontabile anche per i non addetti ai lavori.

Come creare il tuo bagno turco

bagno turco in casa

Il Bagno turco o Hammam è un’antica tradizione orientale che consiste nel fare dei bagni nel vapore che aprono i pori della pelle facendo fuoriuscire tutte le impurità e tossine, rilassando il corpo.
In occidente questa pratica ha preso piede da qualche decennio e in Italia da alcuni anni è presente in tutti i centri specializzati per il benessere della persona.

Le caratteristiche principali di Un Bagno Turco sono:

  • la temperatura deve essere compresa tra i 40° e i 60°
  • l’umidità che raggiunge il 95%

La tecnica per realizzare queste strutture ha subito notevoli progressi permettendo d’installare un Bagno Turco anche nelle abitazioni private con grande facilità in qualsiasi ambiente dotato di una normale presa di corrente e punto di erogazione d’acqua.
Riassumendo questi sono i requisiti essenziali dell’ambiente per poter realizzare un bagno turco domestico:

  • Altezza massima di 220 cm;
  • Soffitto a volta oppure spiovente;
  • Pareti coibentate;
  • Porte e vetrate a tenuta stagna;
  • Pavimento impermeabilizzato con piletta di scarico;
  • Pareti e soffitto rivestiti interamente con materiale impermeabile
  • Presa elettrica
  • Erogazione dell’acqua

Come allestire la tua sauna Hammam

Generatori di vapore per il bagno turco in casaCoibentazione della pareti: coibentare le pareti ed il soffitto del vano assicura una resa migliore ed un minor consumo di energia, evitando dispersione di calore. Successivamente si può personalizzare il rivestimento di finitura con mosaici o piastrelle.

Generatore di vapore: Il cuore dell’impianto, deve essere in grado di garantire una temperatura di 40° celsius e un’umidità relativa del 80%

Vetrate: realizzate per impedire la fuoriuscita del vapore, la dispersione del vapore e permetto di alloggiare la porta d’entrata al bagno turco, sono realizzate con un vetro termico particolare.

Complementi: L’ambiente può essere reso ancora più accogliente con una o più sedute richiudibili, un piccolo e grazioso lavabo in Corian e con una doccia di luce colorata.

Lo spazio necessario per realizzare un bagno turco

Il vincolo principale che determina la dimensione dell’Hammam è la portata massima del nostro impianto elettrico che solitamente è di 3 Kw/h. Il normale impianto domestico deve essere in grado di generare la temperatura e la quantità di umidità utile per il nostro benessere, logicamente più sono grandi gli spazi dedicati al bagno turco più energia serve.

Utilizzando i normali impianti elettrici casalinghi possiamo ottenere dei bagni turchi da 3,5 mc a 7 mc circa riuscendo ad ottenere anche un temperatura uniforme e un vapore bilanciato.

L’altezza ottimale varia tra i 220 cm e i 230 cm, di conseguenza si determinano la larghezza e la profondità del nostro Hammam cercando di ottimizzare gli spazi del bagno che lo contiene.

Esempio soffitto per bagno turcoUn dettaglio da non trascurare è la forma del soffitto del nostro Bagno turco.
Un soffitto piatto genera un effetto chiamato “a pioggia” generato dalla condensa del vapore, è per questo motivo che si deve prevedere una struttura a cupola o a spiovente, in questo modo la condensa scivolerà lungo le superfici e in ultimo nello scarico.

Si consiglia sempre di prevedere all’interno la presenza di un punto d’acqua completo di un piccolo lavabo, miscelatore, sifone e piletta. In questo modo si avrà sempre a disposizione una gradevole fonte di acqua fresca.

Per rendere piacevole l’esperienza del bagno turco nella propria casa suggerisco di completare l’installazione con un impianto di cromoterapia a luce Led. Questo può essere agevolmente abbinato alla doccia presente all’interno del Hammam, la luce colorata irradierà la giusta frequenza luminosa per ottenere dai colori gli effetti migliori.

Meglio il frigorifero ad incasso o stand alone?

Il frigorifero rappresenta forse l’elettrodomestico più importante della nostra abitazione: non solo lavora ininterrottamente notte e giorno, ma svolge anche una funzione fondamentale per la conservazione degli alimenti, destinati al nostro consumo, e deve quindi garantire prestazioni d’eccezione.
E’ quindi importante che la scelta di un nuovo frigorifero sia attentamente valutata, ponderando adeguatamente esigenze estetiche, funzionalità del prodotto e questioni economiche, che non si misurano solamente sul prezzo iniziale, ma riguardano anche i successivi costi relativi ai consumi energetici e ad eventuali riparazioni.
Per quanto riguarda il primo aspetto, molti credono che poiché un frigorifero deve essenzialmente adempiere ad un preciso compito, le sue qualità estetiche possano passare in secondo piano: se però pensiamo che il nostro frigorifero sarà una presenza importante e sicuramente ben visibile all’interno dell’ambiente domestico per i prossimi dieci e possibilmente anche vent’anni, avere la garanzia di un prodotto che ci soddisfi anche nel design non è un elemento da trascurare.


In base al modello prescelto, un frigorifero può modificare la nostra percezione dell’arredamento che lo circonda, armonizzando le linee della nostra cucina oppure conferendole una nota grintosa.
Per chi ama l’eleganza di un arredamento classico o dispone di spazi limitati la scelta ottimale sarà un frigorifero a incasso, capace di inserirsi sobriamente all’interno dell’ambiente: assolutamente discreti e di minimo ingombro, i moderni frigoriferi ad incasso garantiscono inoltre prestazioni ottimali sia per quanto riguarda la capienza sia in relazione ai consumi.
Scegliendo infatti un modello in classe A o A+ potrete contare su un notevole abbattimento delle spese energetiche, oltre ad una conservazione ottimale dei vostri cibi: alcuni modelli prevedono un sistema di illuminazione a LED, che non surriscalda il vano e garantisce un’illuminazione uniforme e completa dei diversi ripiani, o sistemi di ventilazione filtrata dell’aria, che aiutano a mantenete uniforme la temperatura interna ed evitano la formazione di condensa.
Facili da montare grazie all’impiego di cerniere a traino, i nuovi frigoriferi assicurano un angolo di apertura della porta notevolmente superiore rispetto alle proposte di un tempo sul mercato, e si presentano in diverse combinazioni, adatte a soddisfare le diverse esigenze del cliente: nella tradizionale versione combinata di larghezza pari a 60 cm con il frigorifero sovrapposto al congelatore, nel modello “sottotop” per l’eventuale inserimento al di sotto del piano lavoro, con una celletta freezer posizionata all’interno del vano frigo, nella soluzione a due porte affiancate dedicate l’una al frigorifero e l’altra al congelatore, o ancora in sistemi modulari semiprofessionali liberamente assemblabili.
Per quanto riguarda la dotazione interna (cassetto per le verdure, ripiani in plastica o vetro, balconcini controporta), rispetto ai modelli di un tempo oggi possiamo contare su tante importanti novità: ripiani in cristallo di sicurezza, facili da pulire e particolarmente resistenti, griglie estraibili e inclinabili, ripiani in plastica rinforzata, etc.; le nuove vaschette dei balconcini controporta si presentano con un design molto curato e si prestano così ad essere portare anche direttamente in tavola.
Se lo spazio non è un vostro problema, allora non c’è motivo di rinunciare ad un frigorifero a libera installazione: l’elevata tecnologia che da sempre contraddistingue questi modelli oggi si coniuga con una grande ricerca estetica, capace di sviluppare soluzioni adatte a valorizzare pienamente la nostra cucina.
Non dovremo più temere di esibire il nostro frigorifero, ma lo esporremo come una vera opera d’arte, unica ed originale nelle sue linee e pienamente adatta a rispecchiare i nostri gusti e la nostra personalità.
I modelli a libera installazione si avvantaggiano inoltre su quelli ad incasso per la maggiore capienza e per l’impiego di alcune dotazioni davvero all’avanguardia: segnali acustici che ci avvisano nel caso dimentichiamo la porta aperta e sistemi di autoregolazione della temperatura e dell’umidità del vano, per garantire sempre le migliori condizioni di conservazione dei nostri alimenti.outdoor-fridge

La libreria che non ti aspetti

I libri sono cambiati, non so più fatti di carta, ma sono diventati digitali, questo ha reso obsoleto un classico mobile presente nelle nostre case: la libreria.
Perfino la mitica Billy, prodotta da Ikea, ha modificato le dimensioni per inseguire questo mutamento.

I mobili libreria sono destinati a scomparire?

In questi anni si sono notati dei cambiamenti, il mercato ha decretato l’inutilità di quest’importante mobile ma i designer ne hanno approfittato per proporre nuove idee consapevoli che una libreria sarà sempre più svincolata dalla sua funzione contenitiva.

Ecco le tre migliori proposte di quest’inizio del 2014.

Questa libreria si chiama 4° (quattro gradi) Indica l’inclinazione di 4 gradi del piano d’appoggio, in questo modo la gravità provvederà a mantenerli tutti perfettamente impilati

Un’altra interessante interpretazione è quella di Gugkaev che taglia la parete per inserirvi il mobile

Cosa dire della mensola angolare ideata da Martina Carpelan nome italiano, ma finlandese di nascita